L’Expo 2015

L’Expo 2015, in breve

  • Cosa? Il tema dell’Expo 2015 è “Nutrire il pianeta, energia per la vita”.L’articolo 1 della Convenzione di Parigi del 1928 definisce l’esposizione come “una manifestazione che, sotto qualunque denominazione, persegue lo scopo principale di informare il pubblico, passando in rassegna i mezzi di cui dispone l’uomo per soddisfare i bisogni della civilizzazione ed evidenziando, in uno o più rami dell’attività umana, i progressi realizzati o le finalità da conseguire[1]
  • Quando? A partire dal 1° maggio fino al 31 ottobre 2015.L’Expo sarà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 23.
  • Dove? A Milano. Tuttavia, contemporaneamente, si svolgeranno sia nel centro di Milano che nel resto d’Italia, tante manifestazioni ed eventi. Più precisamente, nel nord-ovest di Milano in un’area che si estende su un milione di metri quadri (ossia 100 ettari).
  • Chi? 145 Paesi sono già registrati al inizio di marzo 2014; saranno inoltre presenti tre organizzazioni internazionali, rappresentanti della società civile ed imprese. Si prevede che l’Italia accoglierà circa 20 milioni di visitatori (di cui 6-7 millioni di visitatori stranieri). Il sito puo’ accogliere un massimo di 250 000 visitatori al giorno. Tutti participanti sono stati invitati ad interpretare il Tema dell’Expo 2015 : Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita
  • Quanto? Ci sono diverse formule : pass giornaliero o pass valido due giorni, o ancora solo la sera (date flessibili o fisse, consecutive o meno, formula famiglia…). Al momento, un pass giornaliero costa 39 euro, per due giorni consecutivi 67 euro, due giorni separati 72 euro, 3 giorni separati 105 euro. D’estate, sarà interessante approfittare della formula serale a partire dalle 19 a soli 5 euro. Maggiorni informazioni sul Faq ufficiale. Ciò senza contare l’alloggio (molto costoso, non esitate a puntare su Airbnb o ad alloggiare nei pressi di Milano, ad esempio verso i laghi), ed i trasporti.

Tutte le informazioni pratiche  “Quando andare all’Expo 2015? Quanto fermarsi? Come arrivare? Quanto costa? Cosa fare durante l’Expo, come organizzarsi? Cosa fare oltre all’Expo o dopo l’Expo?”  nella nostra pagina dedicata.

Per sapperne di più, guardate questo video del You tube ufficiale di Expo 2015:

  Quali sono i grandi temi dell’Expo 2015?

L’Esposizione universale del 2015 si terrà a Milano dal primo maggio al 31 ottobre. Il tema dell’esposizione sarà “Nutrire il pianeta: energia per la vita”. L’alimentazione, il consumo, l’agricoltura e i sistemi di produzione saranno al centro di questo evento che sarà protagonista di un’ampia mobilitazione . Nel concreto, l’esposizione permetterà di rispondere in particolare alle seguenti domande[3]:

  • “Vogliamo che l’equilibrio demografico mondiale del secolo a venire sia garantito dalla tenuta sostanziale dei sistemi di produzione alimentare e dall’esclusione dei rischi alimentari globali?
  • Vogliamo garantire alla prossima generazione i mezzi tecnologici e le risorse naturali per permetterle di fare lo stesso con la generazione successiva?
  • Intendiamo salvaguardare la biodiversità, nonostante la sua crescente riduzione?
  • Crediamo che sia necessario ridefinire il concetto di nutrizione, associandovi non solo le qualità di un’alimentazione sana ed equilibrata, ma anche quelle di un benessere completo, che tenga conto sia degli aspetti nutrizionali che degli aspetti storico-culturali ed etnico-sociali?”

Un tema declinato in tre universi

  • L’universo scientifico-tecnologico che tratterà le tecniche di produzione, le regole sulla sicurezza alimentare, la valorizzazione delle ricchezze della natura.
  • L’universo socio-culturale, attraverso cui si svilupperà il tema dell’educazione alimentare, dell’analisi dell’importanza della nutrizione e del suo significato all’interno dell’arte e delle diverse culture.
  • L’universo della cooperazione allo sviluppo, che permetterà ai governi nazionali, alle Organizzazioni Internazionali e alla Società Civile, di condividere le buone pratiche in tema di agricoltura e alimentazione sostenibile.
Mascotte ufficiale dell'Expo2015, Foody

Mascotte ufficiale dell’Expo2015, Foody

La “sfida delle sfide”: lasciare un’eredità immateriale e non soltanto architetturale

Inno ufficiale di Expo 2015, intitolato La forza del sorriso, cantato da Andrea Bocelli, musica di  Andrea Morricone

Se, nel passato, le tracce più riconosciute dal pubblico delle Esposizioni Universali sono state architettoniche (la Tour Eiffel, l’Atomium, lo Space Needle…), l’Italia si è data l’obiettivo nel 2015 di lasciare un’eredità immateriale e cioè di far sì che l’Expo possa rappresentare una tappa chiave del tema “Nutrire il pianeta”.

Questa eredità immateriale passerà soprattutto per la realizzazione dell’obiettivo di educazione e sensibilizzazione dell’Expo a dei modelli di nutrizione, al contempo più sani per l’uomo e più sostenibili per il pianeta. Concretamente, questo potrà consistere nel proporre, in occasione dell’esposizione, dei supporti cartacei ed informatici, che permetteranno ai visitatori di approfondire i temi che desiderano, di seguire le riflessioni che saranno proposte tra i vari attori e di mettere in essere le “buone pratiche” scoperte durante l’Expo.

Un’organizzazione volta alla sostenibilità, alla buona cucina e alla tecnologia

  • Un approccio architettonico sostenibile

La guida del tema dell’esposizione spiega come l’esposizione di Milano si differenzierà dalle altre esposizioni universali per il suo approccio architettonico. Infatti, la struttura fisica dell’Expo non si svilupperà attraverso la costruzione di monumenti giganteschi, bensì porrà l’accento su una bellezza naturale e una struttura “orizzontale” degli edifici. I partecipanti sono stati dunque invitati a concepire i loro futuri padiglioni come una componente integrante il tema (per esempio: la valorizzazione dell’utilizzo di materiali di costruzione riciclabili o che consumano meno energia).

  • Esperienze sensoriali e leccornie nei menu dei futuri visitatori

L’Expo si focalizzerà sull’esperienza del visitatore. Quest’ultimo non dev’essere passivo, ma partecipare realmente alle diverse animazioni: degustazioni, spettacoli, esperienze interattive. Pertanto, uno dei mezzi privilegiati per fare di questa visita un’esperienza ricca di scambi culturali è il suo aspetto gastronomico, che combina allo stesso tempo il piacere dei sensi e la scoperta di culture e di tradizioni eterogenee.

  • Un’Expo 2.0

Infine l’Expo Milano 2015 tende a sfruttare pienamente le capacità delle Nuove Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione per rendere l’esperienza della visita ancora più caratterizzante (supporto d’orientamento, suggerimenti di percorsi durante l’Expo, indicazione di tempi d’attesa…). Con l’aiuto dei supporti internet, il visitatore potrà prepararsi a monte e approfondire i temi dopo la sua visita.

Come approcciare l’Expo sul sito?

  • Padiglioni nazionali

Più di sessanta Paesi saranno presenti sul sito dell’Expo 2015 con il proprio padiglione nazionale, costruito e finanziato autonomamente. Elenco dei padiglioni nazionali sulla pagina Wikipedia.

  • Clusters

L’Expo Milano 2015 proporrà un concetto nuovo rispetto alle Esposizioni universali precedenti: il Cluster. Il Cluster riunirà i Paesi partecipanti che non dispongono di un padiglione nazionale, non sulla base di un criterio geografico, come succedeva nelle precedenti esposizioni universali, ma sulla base di un tema in comune.

Questi temi saranno sia delle identità tematiche:

    • Agricoltura e nutrizione nelle zone aride: il problema della scarsità idrica e dei cambiamenti climatici
      Paesi partecipanti: Mauritania, Senegal, Eritrea, Palestina
    • Isole, mare e nutrizione
      Paesi partecipanti: Guinea Bissau
    • Bio-Mediterraneo: salute, bellezza, armonia
      Paesi partecipanti: Montenegro, Algeria, Serbia, Libano, Egitto, San Marino, Tunisia, Croazia, Grecia, Libia, Malta, Albania

Sia dei settori alimentari:

    • Abbondanza di riso e sicurezza.
      Paesi partecipanti: Sierra Leone, Bangladesh, Cambogia, Repubblica Democratica popolare del Laos, Myanmar
    • Caffé il motore delle idee
      Paesi partecipanti: Kenya, Burundi, Uganda, Costa Rica, Yemen, Guatemala, Salvador, Etiopia, Ruanda
    • Cacao il cibo degli Dei
      Paesi partecipanti: Ghana, Gabon
    • Cereali e tuberi – Antiche e nuove coltivazioni
      Paesi partecipanti: Bolivia, Haiti, Mozambico, Togo, Zimbabwe
    • Frutta e verdura
      Paesi partecipanti: Gambia, Guinea, Benin, Repubblica democratica del Congo, Zambia, Kirghizistan, Uzbekistan
    • Il mondo delle spezie
    • Paesi partecipanti : Afghanistan, Vanuatu, Tanzania
  •  Aree tematiche

Le aree tematiche permetteranno ai visitatori di approfondire alcuni temi in modo ludico e interattivo.

    • Padiglione Zero: all’ingresso dell’Expo la tematica della storia del cibo e degli effetti sull’ambiente.
    • Il distretto del cibo del futuro: dove si tratterà il tema delle tecnologie nelle catene di produzione, distribuzione e consumo del futuro.
    • Il parco dei bambini  
    • Il parco della biodiversità per scoprire sistemi alimentari diversi
    • Arte e cibo   

Per saperne di più, visita direttamente il sito dell’Expo 2015!Come approcciare l’Expo sul sito?

[1] Art. 1 della Convenzione concernente le esposizioni internazionali,  22 novembre 1928, Parigi.

[2] Fonte : http://www.expocantiere.expo2015.org/il-cantiere

[3] Fonte: Guida del tema

[4] Fonte: communicato della società Expo Spa del 6 marzo 2014

[5]Fonte: communicato della società Expo Spa du 22 febbraio 2014

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn