Flash sull’attualità dell’Expo 2015

Point Actu 1 - Expo2015

Da venerdì 14 a venerdì 21 febbraio 2014 

Questo piccolo flash sull’attualità, il cui ritmo varierà a seconda delle notizie, seguirà le maggiori novità nella preparazione dell’Expo, focalizzandosi sugli aspetti legati allo sviluppo sostenibile e alle tematiche dell’alimentazione e dell’agricoltura sostenibile. Buona lettura! Lucia

Citazione della settimana: “Expectations are growing day by day”, Vicente Gonzales Loscertales, Segretario Generale dell’Ufficio Internazionale delle Esposizioni a proposito dell’Expo, Bergamo, 20 febbraio

#Preparazione dell’Expo

  • Riunione dei partecipanti ai Cluster dell’Expo a Bergamo, il 19 e il 20 febbraio: 295 delegati provenienti da 72 Paesi del mondo, erano presenti per andare avanti nella realizzazione dei cluster, questi spazi tematici che collegheranno i Paesi attorno ad un tema comune (agricoltura e nutrizione nelle zone aride; Caffè, il motore delle idee …). Più sostenibile: la società Expo2015 ha annunciato di voler fissare come obiettivo il raggiungimento dell’84%  nella raccolta differenziata dei rifiuti, durante l’Expo.[1]

#Attualità dai partecipanti

  • Francia: l’equipe Francia-Milano 2015 sarà presente presso lo stand del ministero al salone dell’agricoltura, in Francia dal 22 febbraio. Più sostenibile: lo stand si focalizzerà sulle tematiche che saranno esposte nei futuri padiglioni francesi: agro ecologia, alimentazione sostenibile, spreco alimentare.[2]
  • Svizzera: secondo il giornale quotidiano.net formaggio, cioccolato e sostenibilità nel programma della Svizzera per l’Expo2015. Il console generale della Svizzera a Milano, Massimo Baggi, annuncia, peraltro, di prevedere 2 milioni di visitatori svizzeri durante i 6 mesi dell’evento.
  • Società civile: firma del contratto di partecipazione della Fondazione Triulza per l’Expo2015, il 18 febbraio. Quest’ultima gestirà il primo padiglione della storia delle Esposizioni Universali, dedicato interamente alle organizzazioni nazionali e internazionali della società civile, il padiglione “Cascina Triulza”. Il tema del padiglione sarà “Exploding Energies to change the world”.  In quell’occasione, la fondazione ha lanciato il primo project call internazionale per elaborare il programma culturale del padiglione.[3]
  • Turchia: secondo più fonti, tra la stampa italiana (Stampa, Il Sole 24 ore), del venerdì 21 febbraio, la Turchia annuncerà prossimamente di rinunciare alla partecipazione all’Expo 2015. 

#Milano

  • Sostegno della città di Milano al progetto di Slow Food “10 000 orti in Africa” per aiutare i giovani africani a prendere nelle proprie mani la politica agroalimentare dei loro Paesi.[4]

[2] Fonte: sito del ministero dell’agricoltura francese, alimentation.gouv.fr

[3] Fonte: comunicato stampa della fondazione Triulza

[4] Fonte: comunicato stampa della città di Milano.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn

Leave a Reply